L’Europa alla riscossa nello spazio con Ariane 6

Conto alla rovescia per l’innovazione, la sostenibilità e l’autonomia europea nello spazio
9 Luglio 2024
3 minuti di lettura
Ariane 6 Esa
Il razzo Ariane 6 del lanciatore satellitare dell'Agenzia spaziale europea (ESA) si sposta sulla piattaforma di lancio prima del decollo dal Centro spaziale della Guiana a Kourou, Guyana francese (AFP)

L’Europa è pronta a scrivere una nuova pagina nella storia dell’esplorazione spaziale con il volo inaugurale del razzo Ariane 6. Tra le 15 e le 19, ora locale (19-23 ora italiana), dal Centro Spaziale della Guyana Francese a Kourou, un gioiello della tecnologia spaziale europea è pronto a solcare i cieli, segnando l’inizio di una nuova era. Questo lancio segna un momento cruciale per l’Europa, che mira a consolidare la propria indipendenza nell’accesso allo spazio e a sfruttare le opportunità scientifiche, tecnologiche e commerciali offerte dall’orbita terrestre, sfidando la crescente concorrenza internazionale, in particolare da parte di SpaceX di Elon Musk.

Con una durata prevista di 2 ore, 51 minuti e 40 secondi, il lancio di Ariane 6 è un evento cruciale per garantire all’Europa l’accesso autonomo allo spazio. Questo razzo rappresenta l’evoluzione naturale del suo predecessore, l’Ariane 5, che ha dominato i cieli per oltre un quarto di secolo con 117 missioni di successo dal 1996 al 2023.

Innovazione e sostenibilità

L’innovazione è il cuore di Ariane 6. Sviluppato a partire dal 2014, Ariane 6 promette di essere ancora più versatile, competitivo e sostenibile, capace di posizionare satelliti e carichi utili in qualsiasi orbita, grazie al nuovo motore Vinci riavviabile che alimenta lo stadio superiore del razzo. Questo motore può fermarsi e riaccendersi, permettendo di posizionare carichi utili in qualsiasi orbita necessaria e di adattare le missioni a diversi profili orbitali. Questa caratteristica rende Ariane 6 un’opzione flessibile e competitiva nel mercato dei lanci spaziali.

Il suo design modulare consente di adattarsi a una vasta gamma di missioni, dal posizionamento di satelliti commerciali all’esplorazione scientifica. Con una lunghezza di 56 metri e un motore Vulcan 2.1 alimentato da idrogeno e ossigeno liquidi, il razzo è progettato per ridurre i costi e migliorare l’efficienza rispetto ai suoi predecessori.

Ma l’innovazione non si ferma qui. L’intero programma Ariane 6 è stato concepito con un forte impegno per la sostenibilità. Un’analisi dettagliata dell’impatto ambientale è stata condotta per minimizzare le emissioni di carbonio durante tutte le fasi, dalla produzione al lancio. L’ESA, insieme al Clean Space Office, ha condotto una valutazione completa dell’impatto ambientale del lanciatore, cercando di minimizzare le emissioni di carbonio e ridurre l’uso di materiali tossici durante lo sviluppo, la produzione e il trasporto dei componenti. Il design modulare di Ariane 6 permette la deorbitazione controllata dello stadio superiore, che ne garantisce il rientro controllato nell’atmosfera, evitando così la generazione di detriti spaziali, in linea con l’approccio “Zero Debris” di ESA.

Un esempio tangibile di questo impegno è il trasporto degli elementi di Ariane 6 tramite ‘Canopée’, una nave cargo a propulsione ibrida parzialmente alimentata a vela, che trasporta gli elementi del razzo fino a Kourou riducendo le emissioni fino al 30%. Inoltre, Ariane 6 utilizza combustibili criogenici, ossigeno liquido e idrogeno, prodotti attraverso processi più sostenibili. Il progetto HYGUANE mira a produrre idrogeno verde utilizzando l’elettrolisi dell’acqua alimentata da energia solare, riducendo le emissioni di CO2 di un fattore di cinque rispetto ai metodi tradizionali.

Europa in prima linea

Il progetto Ariane 6 è un esempio di collaborazione tra 13 paesi europei, inclusa l’Italia. ESA svolge il ruolo di autorità contrattuale e architetto del sistema di lancio, mentre ArianeGroup è il principale contraente, responsabile del design del razzo. Questo sforzo congiunto non solo rafforza l’industria spaziale del continente, ma sottolinea anche l’importanza della collaborazione internazionale per affrontare le sfide globali. La gestione commerciale delle missioni di Ariane 6 è affidata ad Arianespace che, con oltre 25 lanci già in programma, si prepara a soddisfare le esigenze di clienti di alto profilo, come Amazon, che intende utilizzare il razzo per il lancio dei satelliti della costellazione Kuiper, in diretta competizione con il progetto Starlink di SpaceX.

Questa cooperazione europea non solo rafforza la capacità del continente di operare autonomamente nello spazio, ma promuove anche la crescita economica e tecnologica attraverso un’industria spaziale integrata e sostenibile.

Nonostante le sfide e i ritardi affrontati, l’ESA rimane fiduciosa nelle capacità di Ariane 6. Il direttore generale Josef Aschbacher ha dichiarato che, sebbene vi sia una probabilità del 47% che il primo volo non avvenga esattamente come previsto, l’agenzia è pronta a imparare da ogni esperienza per migliorare le future missioni.

Guardando al futuro

Ariane 6 non è solo un lanciatore, ma il simbolo di un impegno europeo verso un futuro sostenibile nello spazio. L’ESA continua a sviluppare nuove tecnologie, come il motore riutilizzabile Prometheus e il dimostratore Themis per razzi riutilizzabili, mirando a ridurre ulteriormente l’impatto ambientale dei lanci spaziali.

Il volo inaugurale di Ariane 6 rappresenta un momento storico per l’Europa, offrendo la possibilità di consolidare la propria presenza nello spazio in modo responsabile e innovativo, garantendo al contempo un accesso autonomo allo spazio per le generazioni future e un impegno a promuovere pratiche sostenibili e innovative che possano servire da modello per il futuro dell’esplorazione spaziale.

Gli ultimi articoli

Da non perdere